Laboratorio di salute olistica

La coppia è possibile

la coppia possibileParliamo di coppia. “Emerge sempre più forte il bisogno di un diverso modo di stare insieme tra uomo e donna: quello che sembra delinearsi oggi e’ la possibilità di una “relazione pura”, basata sulla parità sessuale, sentimentale ed emozionale (A. Giddens).
Si tratta di un modo di relazionarsi che permette a ciascun elemento della coppia di “riconoscere” l’Altro e di essere da Lui “riconosciuto” in un incessante dinamica fondata sulla reciprocità. Ciò significa che io sono attento all’Altro, lo accolgo, lo sostengo nella sua diversità ed egli assume lo stesso atteggiamento nei miei confronti.E’ come l’antica danza “pericoretica” dove il movimento essenziale consiste nel fatto che entrambi i danzatori si muovono girando intorno l’uno all’altro, in un reciproco danzarsi attorno (P. Cavalieri, 2004).
Attualmente tutte le relazioni che si avvicinano per somiglianza a una relazione “pura” (David Schnarch la definirebbe una relazione con un buon livello di differenziazione) si basano su un contratto rivedibile e rinnovabile nelle sue condizioni e nelle sue regole; contratto al quale si rifanno i due partner quando alcune situazioni all’interno della coppia vengono percepite come “ingiuste”.
A tal proposito, A. Giddens raccoglie alcune semplici regole ma efficaci per la gestione di dinamiche di coppia:
– esprimerò i miei sentimenti negativi non appena gli avrò sperimentato, senza aspettare che crescano, anche se questo vuol dire fare arrabbiare il/la mio/a partner ;
– quando mi sentirò ferita/o nei miei sentimenti, dirò al/alla mio/a partner cosa provo, invece di tenere il broncio, di vendicarmi (per es. facendo finta di nulla);
– quando mi sentirò in un vicolo cieco, mi fermerò per domandarmi se il/la mio/a partner mi ha dato abbastanza. Se no, gli/le chiederò quanto occorre invece di sforzarmi di fare meglio;
– quando mi troverò a dare consigli non richiesti o a trattare il/la mio/a partner come un/a ragazzino/a, mi fermerò, tirerò un lungo respiro, e lo lascerò a cavarsela per conto suo.
Una relazione, specialmente nel suo periodo iniziale, diviene campo di prova, terreno fertile per la costruzione di regole; i conflitti servono a chiarire, a rimescolare le carte, a ridefinire tali regole. Migliorano la comunicazione, promuovono la crescita personale di ogni singolo individuo, uomo o donna che sia.

Dt.ssa Silvia Lelli

Il sito potrebbe contenere cookies per la presenza di link esterni. Continuando la navigazione si accetta quanto scritto. Per saperne di più

Il sito potrebbe contenere cookies per la presenza di link esterni, nel qual caso le terze parti sono titolari autonomi del trattamento. Si rimanda alla loro privacy policy per ogni chiarimento.

Chiudi